La nostra e-boutique rimarrà chiusa dal 14 Luglio al 15 Agosto. L'ultimo giorno per fare un'ordine è il 13 luglio. Affrettati!
THC

Che cos’è il THC e quali sono gli effetti?

Nell’arco della sua vita, la pianta di cannabis produce più di 100 composti chimici differenti. Ma la presenza di uno solo di questi, il THC, ha segnato il destino della cannabis per un secolo, rendendola una delle piante più perseguitate del pianeta. Tutto questo perché tale composto interagisce con il corpo umano in modo tale da produrre una complessità di effetti, tutti diversi l’uno dall’altro.

Che cos’è il THC e qual è il significato?

Il nome per intero è Tetraidrocannabinolo. Il THC è uno dei 113 composti chimici che si trovano solo nel genere vegetale Cannabis, che gli scienziati chiamano cannabinoidi. Il THC, tuttavia, è il più importante tra tutti gli altri perché è il più potente psicoattivo.

Ma esattamente cos’è il THC, e perché produce un’ampia gamma di effetti piacevoli e/o sgradevoli? Come interagisce con il cervello? Come influisce sul corpo? E’ sicuro, o pericoloso come l’eroina, cosa dice la medicina?

Decenni di domande senza risposta, confusione e disinformazione hanno distorto la comprensione del pubblico della cannabis e del cannabinoide psicoattivo che l’ha resa la droga illecita più popolare al mondo.

Questa guida completa al THC mira a chiarire tutto. Oltre alle informazioni essenziali, ci concentreremo sull’importanza del cannabinoide per gli utenti ricreativi e medici, analizzeremo la ricerca attuale sul farmaco e condivideremo i nostri pensieri su ciò che il futuro riserva al tetraidrocannabinolo.

I fondamenti del Tetraidrocannabinolo

THC

Il THC è un acronimo per il nome completo, ingombrante e a otto sillabe, del composto chimico Tetraidrocannabinolo. Il suo nome chimico è trans-delta 9-tetraidrocannabinolo.
Il delta-9 tetraidrocannabinolo è psicoattivo quindi stimola o attiva specifiche risposte psicologiche generalmente, ma non sempre, associate all’euforia. In breve, il THC è psicoattivo perché colpisce la mente.

Naturalmente, la mente e il corpo sono collegati, e quindi gli effetti psicoattivi della cannabis sono sia psicologici che fisiologici.

Esiste uno stretto legame tra il tetraidrocannabinolo e il sistema degli endocannabinoidi umani (ECS).

L’ECS è come un vasto sistema di serrature, o recettori chimici, e chiavi, con cui le sostanze chimiche si legano. Alcune chiavi funzionano solo su una serratura specifica. Altri chiavi possono essere inserite in serrature multiple. Il corpo umano si è evoluto per produrre le proprie chiavi, o “cannabinoidi endogeni”, per quelle serrature.

Sorprendentemente, i cannabinoidi che la pianta di cannabis produce si legano a quegli stessi recettori. Sono le chiavi della natura che si adattano alle serrature della nostra ECS. Questo non significa che gli esseri umani si siano evoluti per la cannabis, ma piuttosto, gli esseri umani ne hanno approfittato per il divertimento e la salute. E lo facciamo da millenni.

Come agisce il THC sul Cervello?

thc e cervello

Quando consumi cannabis legale, introduci i suoi cannabinoidi nel tuo corpo. Una volta entrati, vengono metabolizzati ed entrano nel flusso sanguigno. Da lì si legano ai recettori CB1 e CB2, che si concentrano nel cervello e nel sistema nervoso centrale.

Sorprendentemente, ci sono 10 volte più recettori CB1 nel cervello rispetto ai recettori μ-opioidi, che sono responsabili degli effetti della morfina. I recettori CB2 sono appesi esclusivamente alle cellule del sistema immunitario. Per questo motivo, la cannabis ha importanti applicazioni medicinali, in aggiunta ai suoi usi ricreativi più popolari.

Che effetto ha il THC sul cervello? Il THC non è l’unico cannabinoide che può legarsi ai recettori CB1 e CB2. Ma quando lo fa, la ECS stimola il rilascio di dopamina nel cervello, creando un senso di euforia e relax.

I recettori CB1 nel cervello e nel sistema nervoso modulano il movimento, la memoria, la cognizione, le percezioni sensoriali e persino la percezione del tempo. Il tetraidrocannabinolo “attiva” le funzioni tipicamente regolate dalla ECS, come l’umore, l’appetito, la cognizione e la percezione.

La somma totale di tutti questi cambiamenti crea la sensazione generale che amiamo chiamare “sballo”. E questo spiega perché lo sballo varia da ronzato a cotto, da sballato a troppo sballato. Ci molti fattori in gioco. I cambiamenti che fanno sentire bene a qualcuno potrebbero far sentire a disagio qualcun altro.

Poi, ci sono gli effetti più misteriosi del delta-9-THC sul cervello. Ricordate l’anandamide, la versione del THC del nostro corpo? I ricercatori credono che l’anandamide può avere qualcosa a che fare con la capacità del nostro cervello di dimenticare.

A prima vista, questo fatto sembra confermare la preoccupazione spesso espressa che l’uso di fiori di cannabis riduca le capacità di memoria a breve termine. Tuttavia, il potere di dimenticare può essere incredibilmente benefico per coloro che soffrono di ricordi traumatici, come le persone con PTSD. Da qui i risultati promettenti che il tetraidrocannabinolo è in grado di trattare una serie di disturbi psicologici legati al trauma.

Quali effetti ha il tetraidrocannabinolo sul nostro corpo

effetti del thc sul corpo

Il THC non si lega solo ai recettori nel cervello. La loro rete si estende su tutto il corpo. La maggior parte delle sensazioni corporee che si provano quando si consuma cannabis sono in realtà il risultato di cambiamenti nel cervello. Ma i recettori cannabinoidi possono anche agire sui recettori ECS in tutto il corpo, creando una serie di effetti benefici.

È importante notare che ci sono recettori nel sistema immunitario, motivo per cui il THC può agire come un potente antinfiammatorio, ma può anche ridurre l’efficacia del sistema immunitario.

Nel tratto digestivo, il THC può stimolare il rilascio del grelina, l'”ormone della fame”, e aiutare ad alleviare la nausea. Nella storia della cannabis, nonostante il proibizioniscmo, la FDA ha approvato una forma sintetica di THC come stimolante dell’appetito e antiemetico per i pazienti affetti da AIDS e chemioterapia.

Ci sono anche recettori CB2 nella nostra pelle. Le creme topiche a base di cannabis stanno rapidamente diventando popolari come antidolorifici, ma anche oli e prodotti per la cura della pelle. La capacità di assorbire il THC nella pelle significa che le persone possono usare il cannabinoide per benefici terapeutici senza effetti psicotropi.

 

BENEFICI DEL THC

Da quando il THC è diventato sinonimo di marijuana nel nostro lessico quotidiano, vengono trascurati i benefici medicinali del cannabinoide. E se è vero che la sostanza chimica è molto apprezzata dagli utilizzatori ricreativi, i ricercatori continuano a identificare modi innovativi per usarla come medicina.

Antiinfiammatorio

Il THC oltre ad essere un potente farmaco antinfiammatorio cura malattie autoimmuni, disturbi neurodegenerativi come la sclerosi multipla e la depressione. È dimostrato che la cannabis è efficace come trattamento terapeutico.

Cancro

Usare la cannabis come parte di un trattamento contro il cancro è uno dei benefici più promettenti – e più sopravvalutati – del THC. È molto più probabile che un medico prescriva la cannabis come trattamento per gli effetti collaterali dei trattamenti contro il cancro, come la chemioterapia e le radiazioni.

Tuttavia, gli studi stanno iniziando a identificare le proprietà “cancerogene” del tetraidrocannabinolo. Secondo i ricercatori che hanno studiato gli effetti della cannabis sui tumori negli animali, il THC può causare la distruzione di cellule tumorali. I risultati sono incredibili: tumori shrunken e una riduzione della prevalenza delle cellule tumorali.

Disturbi dell’umore

Oltre ad aiutare le persone con PTSD a elaborare e dimenticare le associazioni traumatiche della memoria, gli effetti a breve termine del tetraidrocannabinolo possono migliorare i disturbi dell’umore come la depressione e l’ansia. Alcuni hanno anche suggerito che il THC può aiutare le persone con ADHD.

C’è un po’ di spada a doppio taglio per usare il THC come trattamento per i disturbi dell’umore. Alcuni studi hanno trovato che gli effetti a lungo termine dell’uso di cannabis possono accelerare l’insorgenza di certi disturbi psicologici. Se siete più inclini alla schizofrenia o alla psicosi, il consumo regolare di cannabis può rendervi più vulnerabili a questi sintomi.

Dolore Cronico

Uno degli usi medici più popolari per il THC è come antidolorifico. E rispetto ai pericolosi e coinvolgenti oppiacei che stanno inondando il mercato farmaceutico in Italia, la cannabis è incredibilmente sicura.

Dal dolore muscolare temporaneo al dolore neuropatico costante, la capacità del THC di ridurre le informazioni e stimolare il rilascio di dopamina, proprio come gli oppiacei, lo rendono un farmaco potente per il trattamento del dolore e dei sintomi correlati.

Disturbi del sonno

L’euforia induttiva e il rilassamento, due effetti associati all’uso ricreativo del THC, sono utili anche per il trattamento dei disturbi del sonno. Circa 1 persona su 3 sperimenta una qualche forma di insonnia. E mentre i sonniferi su prescrizione possono aiutare a breve termine, sono inefficaci e a volte pericolosi con l’uso a lungo termine.

Ma il vecchio cliché del “toker di mezzanotte” è emerso proprio per questo motivo. La cannabis rilassa la mente e il corpo. Alcuni ceppi, tradizionalmente la Indica, hanno effetti sedativi più forti di altri.

Disturbi digestivi

È stata riconosciuta la capacità del THC di alleviare il dolore e ridurre la nausea e altri sintomi legati al dolore gastrointestinale. Grazie ai recettori degli endocannabinoidi nel tratto digestivo, la cannabis può aiutare le persone che soffrono di gravi malattie del tratto GI come la sindrome di Crohn e l’intestino irritabile.

Questo elenco dei benefici medici del tetraidrocannabinolo è impressionante. E, poiché le barriere alla ricerca si sgretolano, non farà che continuare ad allungarsi.

L’uso ricreativo del THC

thc ricreativo
Nonostante le sue proprietà medicinali, la pretesa di fama (e infamia) del THC è lo sballo euforico che produce. L’uso ricreativo della marijuana consiste nel comporre il numero nel perfetto rapporto di effetti per ogni individuo. E il mercato ricreativo, soprattutto dove è alla luce del sole, continua a sviluppare modi nuovi e innovativi di sballarsi.

Che si tratti di nuove varietà che vantano concentrazioni di THC mai viste prima, di nuovi dispositivi per ottenere e consumare concentrati di cannabis, o di nuove tecniche per produrre prodotti commestibili di altissima qualità, il mercato ricreativo è senza dubbio uno degli orizzonti emergenti più entusiasmanti dell’industria della cannabis in tutto il mondo.

Al momento la tendenza che domina la scena ricreativa della cannabis è il concentrato di THC.

Che cos’è il concentrato di THC?

Ci sono alcuni metodi per estrarre i cannabinoidi dalla materia erbacea dei fiori di cannabis essiccati. Alcuni sono più sicuri di altri. Ma l’obiettivo per ciascuno di essi è lo stesso: estrarre la massima quantità di cannabinoidi e terpeni dalla pianta di cannabis.

I metodi di estrazione del butano, del CO2 e dell’alcool hanno i loro meriti. E ciascuno è in grado di produrre concentrati di cannabis con livelli di concentrazione di THC intorno al 90 per cento o superiori. Rispetto alla media del 25-30 per cento di THC vantato dalle varietà di cannabis più potenti, e si può vedere perché i concentrati sono diventati così popolari tra i consumatori ricreativi.

Nella forma finale, i concentrati sono sostanze ricche e saporite con un colore ambrato e una consistenza appiccicosa e soave. Possono essere consumati puri o miscelati con cere, oli e tinture commestibili sotto forma di bevande e di gustose prelibatezze.

Un metodo di consumo di concentrati, tuttavia, ha catapultato la popolarità tra gli utenti ricreativi: la disidratazione. Il tamponamento è il processo di surriscaldamento di un oggetto metallico o di vetro, su cui si pone una piccola quantità di concentrato, e di inalazione dei vapori che ne derivano.

L’estrazione del concentrato rimuove tutta la sostanza amara della pianta dalla cannabis. Eppure mantiene la presenza dei terpeni vegetali che conferiscono alla cannabis il suo gusto e il suo odore. Quindi, l’esperienza di assorbire, o inalare il vapore di concentrati sublimati, fornisce sapori incomparabilmente ricchi rispetto ai fiori solo fumo.

Fiori di cannabis con la massima concentrazione di tetraidrocannabinolo

Il tamponamento offre ai consumatori ricreativi una dose massiccia di tetraidrocannabinolo, di gran lunga superiore a quella che potrebbe fornire qualsiasi cannabis erbacea. In altre parole, il tamponamento ti renderà più alto di quanto tu abbia mai pensato possibile, e certamente più alto di quanto tu possa ottenere altrimenti.

Tuttavia, per alcuni, l’inalazione di vapori con verso l’alto di tetraidrocannabinolo 90 per cento crea troppo forte di un effetto. Questo può trasformare l’euforia di un buon high nell’ansia di un cattivo high. In questo caso, gli utilizzatori ricreativi cercano ceppi con alte concentrazioni di THC. Qui ci sono alcuni dei ceppi più potenti che dominano il THC.

Che cosa succede al THC quando si riscalda?

Tecnicamente parlando, il cannabinoide che appare nella cannabis è il THCA. La lettera “A” indica la sua forma acida. Ci vuole calore per convertire il THCA nel tetraidrocannabinolo del delta-9 psicoattivo. Ecco perché bisogna applicare una fiamma alla cannabis essiccata. Non solo per bruciare i bud e produrre fumo da inalare, ma anche per attivare il THC.

Questo processo di attivazione è chiamato decarbossilazione, o “decarb” in breve. Decartare la cannabis è un passo assolutamente indispensabile nella produzione di prodotti commestibili. Senza di esso, si sta solo mangiando un sacco di THCA crudo.

Cosa riserva il futuro al THC?

Mentre i contadini continuano a produrre fiori con concentrazioni record di tetraidrocannabinolo, il futuro del THC è innegabilmente nel regno dei concentrati.

In effetti, una delle realizzazioni più importanti che emergono dalla cultura del dabbing ha profonde implicazioni per il futuro della cannabis in generale. L'”effetto entourage” si riferisce alle interazioni sinergiche tra tetraidrocannabinolo, terpeni e altri cannabinoidi. La produzione di concentrato mantiene intatti questi composti. E questo significa che non solo inalate puro vapore di THC, ma vapore costituito da tutte quelle sostanze chimiche combinate.

Una cosa che sappiamo è che, da solo, gli effetti del THC sono una specie di “non regia”. Non c’è modo di determinare dove, come o quanto interagirà con le varie parti dell’ECS.

Sembra che i terpeni, però, che sono fondamentalmente gli oli essenziali delle piante, non siano solo lì per l’olfatto e il gusto. Essi sembrano anche fungere da guardrail, permettendo agli utenti di “guidare” il THC in diversi percorsi chimici e, quindi, produrre effetti diversi.

La conoscenza di queste interazioni è ancora agli inizi. Ma gli utenti ricreativi, non i ricercatori, stanno spianando la strada sperimentando diversi profili terpenici e concentrazioni di cannabinoidi. E la domanda che stanno causando per i concentrati è responsabile di molte delle recenti innovazioni nelle tecniche di estrazione e vaporizzazione.

0